INCONTRO SINDACI (1)

Candidati Sindaco a confronto.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Tempi frenetici con susseguirsi di eventi e manifestazioni, un’alternanza di presentazioni di liste, di candidati, di incontri e confronti, dichiarazioni fatte di proposte, programmi e propaganda…

In questi ambiti, si è tenuto anche il confronto tra i candidati alla poltrona di Sindaco. Di quelli presenti sul palco del Teatro  Comunale trecatese, direi che il confronto concreto è stato fra destra e sinistra, fra Binatti e Uboldi, mentre il resto era un contorno insignificante e di nessuna consistenza, così come si vedrà dall’esito della consultazione elettorale.  L’interesse era pertanto concentrato sulle risposte che avrebbero dato i due maggiori contendenti, quelli che si contenderanno il diritto a rappresentare Trecate ed i suoi residenti e dei quali daremo resoconto. Otto le domande alle quali dare risposta in parità di tempo.

 

Si inizia con un quesito sul piano regolatore. Essendo stato realizzato 25 anni addietro, Uboldi lo ritiene obsoleto e necessita quindi di un rifacimento adeguato ai tempi, guardando alle esigenze del futuro. Per Binatti la nostra zona è strategica ed è opportuno seguire le richieste, favorendo con  sgravi ed incentivi al commercio una riqualificazione del centro; al contempo, favorire lo sviluppo della logistica lungo la statale 11.

E’ poi richiesta una previsione sul piano del traffico, intenzioni su mobilità collegamenti delle periferie.

Per Uboldi necessita una rivisitazione partendo dal centro verso le periferie, una modifica dei parcheggi che stanno danneggiando il commercio e un intervento su ingresso e uscita dal polo logistico, oggi pericolosi. Diametralmente opposta l’opinione di Binatti che prevede la riqualificazione del centro mantenedo gli stalli di parcheggio. Circa l’ingresso/uscita dal polo, le competenze sono di Anas con la quale è in corso un dialogo per una futura sistemazione.

Onde avere e perseguire un bilancio sostenibile, quali strade si intende percorrere.

Binatti intende porre in atto azioni per liberare quote finanziarie , perseguire la lotta all’evasione che ha riscosso successo e che sarà migliorata con maggiori controlli.  Uboldi fa rilevare che a fine mandato le casse sono vuote e che esistono problemi di bilancio, dovuto anche a continui cambi di assessori e funzionari. Questa situazione di dissesto, porterà inevitabilmente al già preventivato aumento delle tasse negli anni futuri.

Il Sociale è ovunque un’emergenza; quali le intenzioni per fronteggiarla.

Uboldi ritiene di doversi focalizzare sulla povertà reale, evitando di favorire i molti che sfruttano le situazioni. Una particolare attenzione a chi percepisce il reddito di cittadinanza per indurli dare collaborazione.

Binatti evidenzia che il reddito cittadinanza non funziona e contrasta coi patti di servizio che servono per chi ha realmente bisogno e lavora per la cittadinanza.

Altro tema è lo Sport. Ovviamente per Uboldi i soldi spesi per il rifacimento della palestra potevano essere spesi diversamente come aveva suggerito anche in Consiglio comunale, mentre per Binatti è positivo e la vincita del bando con l’arrivo di finanziamento va a sottolineare la qualità della scelta. In futuro prevede di investire nello sport per i quartieri.

E’ stato quindi richiesto quali saranno i temi di rilievo dei loro programmi. Uboldi prevede una valorizzazione del Parco Cicogna quale polo culturale per futuri eventi ed una particolare attenzione alle famiglie con funzionali attività post scolastiche, attenzione alle esigenze degli anziani per offrire migliori servizi.  Binatti ritiene che oltre alle grandi opere in corso, ci sarà un rifacimento di strade e marciapiedi sia nel centro che nelle periferie.

Quali prospettive in caso di ballottaggio? Uboldi sottolinea che non ha in corso trattative con nessuno e tale discorso, non è mai stato affrontato nella sua coalizione. Binatti più drasticamente, ha escluso qualsiasi trattativa per alleanze.

Per concludere, un appello ai votanti. Binatti ritenendo di aver ben operato specialmente durante la pandemia, assicura che con la sua squadra, potrà sicuramente fare meglio in futuro.  Uboldi si è rivolto agli elettori dicendo che per cambiare occorre l’impegno di tutti, unica strada per mettere a frutto quanto chiesto dai cittadini.

E’ il caso di dire: “ai posteri l’ardua sentenza”.

 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail