25842138 - mom helping kid with homework

Una mamma trecatese racconta

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La mensa scolastica finalmente, dopo non pochi problemi, è ripartita.
In molti, specialmente i genitori di Trecate, Romentino e Sozzago, possono tirare un sospiro di sollievo.

Ma come abbiamo gestito questo problema? Semplice: ci siamo aiutati.
Fa strano in un periodo come questo, in un momento così peculiare, sentir parlare di solidarietà ed in particolare di reciproco aiuto, eppure questo è accaduto. Molti di noi genitori, non avendo parenti che potessero prendersi carico dei nostri figli per lontananza o limiti di età, si sono presi carico momentaneamente dei “figli di altri” e tra noi genitori, è scattato l’aiuto. C’è chi ha ospitato uno o più bambini a casa o chi si è offerto di accompagnare gruppi di bimbi di una stessa classe in qualche pizzeria-ristorante per pranzare, gestendo quindi l’intero orario prima del rientro a scuola.
Sono stati momenti importanti per genitori e bambini: una prova non sempre facile da assimilare per quei genitori che “lasciavano in custodia” i propri figli ad altri genitori, mentre per i bambini è stato un momento conviviale con i compagni, in una situazione diversa dal solito, una situazione improvvisata anche se forzata.
Forse come individui, non dovremmo dimenticare il valore del reciproco aiuto solo in questi casi, ma ricordarcene in tante altre occasioni che la vita ci sottopone.
È stato un momento particolare, con animi non proprio tranquilli per molti se non per tutti,
ma il cuore grande dei genitori ed il naturale senso di responsabilità, ha colmato un vuoto istituzionale ed aziendale, che ha insegnato moltissimo a tanti, con la speranza che episodi come quello verificatosi non abbiano a ripetersi.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail