CONSIGLIO PRE FERIALE

UN CONSIGLIO COMUNALE PRE FERIALE

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

TRECATE – Un Consiglio comunale di breve durata, quello della sera di mercoledì 22 luglio; all’Ordine del giorno infatti, solo 4 punti sviluppatisi rapidamente. Premesso che alla seduta erano presenti entrambi i politicamente neo orfanelli crivelliani (nella foto con al centro la presidenza) dei quali uno, l’ex carrozziere che essendo spesso assente, quando come in questo caso aderisce, è talmente invisibile che ha tenuto ad avvertirmi della sua presenza, la seduta è stata presieduta dal Crivelli il quale ha voluto subito informare il Consiglio che: 

  • partiticamente non appartiene più a Forza Italia (lui dice per scelta ed il partito dichiara per espulsione), 
  • non è intenzionato ad aderire al Gruppo misto,
  • quindi in pratica rappresenterebbe solo se stesso ( … chissà cosa pensa chi l’aveva votato per amministrare la città … ). 

Una situazione che rasenta il ridicolo. Abbiamo una paradossale situazione che per similitudine, rispecchia il Governo romano: nel nostro caso, abbiamo il Presidente di un Consiglio comunale che, non risultando appartenere a nessuna forza politica regolarmente uscita dalle urne e pertanto non rappresentando nessuno, è arbitro di un consesso amministrativo scelto dal popolo. Come se non bastasse, l’elemento in questione, da anni è palesemente schierato contro l’amministrazione alla quale non ha mai risparmiato tentativi di sovvertimento. Visto che inspiegabilmente il Sindaco Binatti e la sua compagine sembrano accettare questo stato di cose, mi chiedo fino a che punto una simile situazione possa essere regolare e soprattutto tollerabile. Dal punto di vista del soggetto, che non pensa neppure lontanamente ad un gesto dimissionario risultandogli evidentemente utili i soldini della poltrona, dopo aver scaricato i sodali non più utili per le sue mire in capoluogo, ha modo di spaziare a piacimento in affari cittadini e provinciali in attesa di conoscere se potrà risultare beneaccetto ai novaresi che manco immaginano la sua esistenza fisica e politica. 

Tornando in Consiglio, dopo la dichiarazione di Crivelli dell’appartenenza al nulla, ha preso la parola la consigliere Patrizia Coraia che ha letto una lettera di ringraziamento pervenuta dall’Istituto Pascal di Romentino.

Ha chiesto quindi di intervenire l’invisibile capogruppo di Forza Italia che ha letto con qualche inciampo, il testo del compitino che si era preparato a casa e col quale ribadiva d’essere il capogruppo di se stesso, in rappresentanza di quel partito ormai pressochè inesistente e sempre più inaffidabile. Nessuna dichiarazione circa la perdita del guru, è arrivata dal gruppo Cambiamo Trecate, lista satellite ex crivelliana.  

Si è quindi giunti al 4° ed ultimo argomento della riunione: Assestamento di Bilancio e relative variazioni. Come di consueto, ha relazionato sviscerando cifre, l’Assessore Claudia Mazza alla quale ha dapprima posto quesiti ed osservazioni il consigliere Uboldi e dopo di lui, il consigliere Almasio che ha sottolineato la mancanza di una politica assistenziale ai cittadini dopo la pandemia e le non risposte pervenute dall’assessore che si è limitata dopo l’elencazione, a commentare le proposte fatte pervenire alla Giunta, dalla minoranza. Ancora Uboldi, ha fatto rilevare che il Comune di Trecate, contrariamente a quanto fatto da molte amministrazioni a guida centrodestra nelle località limitrofe, non ha previsto alcuna forma di aiuto alle attività commerciali cittadine. Il consigliere Campa, si è scagliato con enfasi contro l’amministrazione, accusandola di fare e gestire a suo piacimento ignorando le proposte della minoranza. Ma il consigliere è molto giovane e quando al governo di Trecate c’erano i suoi compagni di partito (amministrazioni Almasio), lui probabilmente vestiva coi calzoni corti o al massimo, giocava con le biglie; non può pertanto sapere di come erano state le loro più che arbitrarie gestioni ed il più che discutibile modus operandi. Prima delle scontate dichiarazioni di voto, il Sindaco ha tenuto ad informare l’assemblea che dopo le ferie agostane, l’amministrazione si adopererà per intervenire con aiuti alla cittadinanza in quei settori che risulteranno necessitarne. E’ quindi intervenuta nuovamente la consigliere Coraia che ha informato di risorse economiche (7.000 euro) pervenute dallo Stato alla Biblioteca e finalizzate all’acquisto di volumi. 

La maggioranza ha votato a favore dell’assestamento del bilancio, l’opposizione ufficiale (M5S – PD – Trecate nel Cuore) ha votato contro e ad essi, si sono accodati anche i politicamente orfanelli crivelliani (FI – Cambiamo Trecate) mentre il RAPPRESENTANTE DI NESSUNO (Crivelli) si è astenuto. 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail