pasca

Rubrica verde

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

di Alessandro Pasca – Coordinatore cittadino Lega Nord

Ho letto in questi giorni interventi del sindaco Ruggerone, corredati di statistiche, nei quali sosteneva che dovremmo essere felici perchè a Trecate c’è stata una diminuzione dei reati. È chiaro che le statistiche da sole non dicono nulla: senza un’adeguata interpretazione esse possono essere usate per sostenere qualunque tesi.

In particolare, il sindaco si mostra soddisfatto per i dati sui furti in abitazione e sulle rapine che sono in diminuzione. Noi invece non siamo assolutamente soddisfatti: il fatto che i reati risultino in diminuzione, non significa che Trecate sia una città sicura. I dati pubblicati due mesi fa dal sindaco di Galliate Davide Ferrari, provenienti dal Ministero dell’Interno, mostrano chiaramente che tra i centri principali della provincia, Trecate ha un tasso di reati per abitanti inferiore soltanto a quello di Novara e superiore a quello di tutti gli altri centri presi in esame. La sola diminuzione dei reati non basta: vogliamo una città più sicura, in cui ciascuno possa sentirsi tranquillo a passeggiare per le sue vie o a possa recarsi a prendere un treno anche nelle ore serali. L’installazione delle telecamere è stata sicuramente positiva, ma non sufficiente a risolvere il problema sicurezza. Chiediamo fermamente che vengano effettuati controlli a tappeto alla stazione ferroviaria per sapere se chi entra nella nostra città ha i requisiti per rimanerci. Chiediamo che venga incrementato l’organico della Polizia Locale e che si controllino le residenze dove si sospetta la presenza di clandestini per allontanare eventuali immigrati irregolari dal nostro territorio. Vogliamo infatti che restino qui solo le persone perbene e che delinquenti e irregolari capiscano che Trecate non è “il paese dei balocchi”. Faccio notare che mentre la nostra proposta di controllare le persone in arrivo in stazione è stata messa in ridicolo, abbiamo assistito nei giorni seguenti all’arresto in stazione di una persona sulla quale gravava un’ordinanza di cattura da parte dei carabinieri: meno male che questi controlli dovevano essere inutili!

Vogliamo una città ordinata e pulita in cui ai diritti corrispondono i doveri, primo tra tutti quello di rispettare le nostre leggi. Vogliamo semplicemente restituire ai trecatesi la serenità, senza che più nessuno debba avere la paura di rimanere vittima di odiosi reati!

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail