BINATTI SINDACO

Binatti resta Sindaco a Trecate

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Tutti sappiamo che se Binatti fosse riuscito ad avere un incarico in Regione, avrebbe dovuto lasciare la carica di Sindaco: ma non è avvenuto. Mi rammarico di questo, sia per la persona che per la città; entrambi infatti, potevano avere considerevoli vantaggi dal nuovo incarico: per Binatti sarebbe stato un nuovo slancio nella sua carriera politica e la città, avrebbe avuto un suo rappresentante in Regione. Binatti, non riuscendo a sfruttare la recente opportunità, resterà pertanto Sindaco di Trecate e Presidente della Provincia di Novara fino al 2021, salvo qualche imprevedibile variazione in positivo o negativo (ed in politica tutto è possibile). Quindi, per proseguire il suo cammino politico, il Sindaco Binatti dovrà ripresentarsi ai suoi concittadini per ricevere un secondo mandato. Ma presentarsi per un secondo mandato e farsi rieleggere a Trecate, non è impresa molto semplice: negli ultimi 20 anni la riconferma al secondo mandato è riuscita infatti, solo all’ing. Almasio nel 2001 ma politicamente, sto parlando di un’altra epoca. Cosa fare quindi per essere riconfermato nel 2021? 

Da subito Binatti dovrà rimboccarsi le maniche, lavorare sodo per raddrizzare le tante anomalie, seguire in prima persona i settori più in difficoltà e magari, pensare ad una ottimizzazione degli incarichi. Dovrà in pratica, fare un po’ meno politica e più amministrazione… ma non sarà certo molto semplice: i due ruoli di Sindaco di una città come Trecate, che è molto impegnativa da amministrare, sommato al ruolo di Presidente della Provincia, è molto complesso. Mi aspetto quindi che Binatti suoni la sveglia ad alcuni dei suoi collaboratori, sia assessori che consiglieri e se questo non fosse sufficiente, e ne ha il potere, sostituire o eliminare chi ostacola o comunque non lavora; dovrà dimostrare di avere quegli “attributi” che fino ad oggi sinceramente si sono visti in poche occasioni; dovrà essere molto più presente tra la gente e meno nei palazzi, con lo scopo di vivere tra la gente per ascoltare la gente e portare avanti quello che la gente voleva da lui quando gli diedero fiducia; dovrà recepire e possibilmente attuare, quello di cui la città e la comunità hanno bisogno e francamente, le carenze sono molte: c’è l’imbarazzo di dove cominciare l’elenco.  Senza molto sforzo, potrei suggerire di focalizzare la sua attenzione su taluni settori che spesso risultano importanti per la riconferma o meno di un Sindaco ed i settori in difficoltà sono vari: Marketing territoriale totalmente inconsistente; Commercio? mai pervenuto! Attuazione del programma? Il Consigliere delegato ha restituito la delega senza mai fare in un triennio, una benché minima relazione sullo stato dell’arte; poi la gestione del verde che desta continue discussioni sui social; lo stesso settore sport molto enfatizzato, che oltre a qualche necessaria manutenzione, qualche campetto periferico abbandonato e degradato, la distribuzione di qualche contributo a destra e sinistra, ha visto qualche evento organizzato sempre da terzi esterni ed ora, sta propagandando quel palasport che nessuno vede di primaria necessità, specialmente se si considera che la squadra maggiore ha scelto di rimanere nella categoria e non avanzare. Ma risulta particolarmente di secondaria importanza, se si considera la mancanza di altre fondamentali opere quali: strade e marciapiedi dissestati, casa di riposo, fognature vecchie ed obsolete in varie parti della città, le telecamere, la gestione e la pericolosità del mercato settimanale che necessita di un urgente intervento. 

Qualora Binatti decidesse di mettere in pratica quanto sopra suggerito, potrebbe essere agevolato dal fatto che sono previste maggiori entrate, soldi che però, non dovrà sciupare per accontentare questo o quel collaboratore che, facendo capricci, dovesse insistere per attuare opere che come detto, possono facilmente risultare di secondaria importanza. Dovrà invece dimostrare ai suoi concittadini, che nei prossimi 12 mesi si correrà come se si dovessero fare i 100 metri piani, perché quello che non verrà fatto ma verrà solo programmato il prossimo anno, con ogni probabilità sarà inaugurato da chi amministrerà nel quinquennio 2021-2026 e potrebbe non essere Binatti ad inaugurare quanto programmato, come per altro già successo ad altre amministrazioni. 

Le scelte che attuerà per l’autunno, dovranno essere più che oculate, mantenendo l’amministrazione più unita che mai. Inserire elementi di disturbo e di molto dubbia utilità, come pare abbia fatto, irrobustirebbe i numeri in Consiglio comunale (a quando la prossima festa del riso?), ma allo stesso tempo, creerebbe scompensi difficili da gestire ed il distogliere energie per eventuali mugugni interni, potrebbe non essere la migliore delle strategie. Resta dunque poco tempo: Binatti dovrebbe utilizzare questi mesi estivi per preparare un nuovo piano e se lo reputerà necessario, preparare un rimpasto da attuare in autunno, per poi partire con nuovi incarichi che potrebbero dare slancio e nuovi stimoli ad assessori e consiglieri che a loro volta, dovranno dare il massimo anch’essi, per meritarsi la riconferma da parte dei cittadini. Un rimescolamento anche parziale dei ruoli, potrebbe inoltre dare la possibilità a chi è andato meno bene, di trovare una migliore e forse più adatta collocazione ed in caso di ulteriore insuccesso, servirebbe anche a far capire a se stesso ed agli elettori, che forse fare amministrazione non è il suo mestiere. Anche se mi sono espresso, non è compito mio il suggerire le scelte o strategie da attuare, ma il Sindaco dovrà assolutamente trovare soluzioni che permettano di migliorare l’attuale gestione. E’ infatti risaputo che le condizioni generali della città avranno un peso determinante nella scelta che faranno i cittadini. Strade, marciapiedi, gestione del verde, tagli dell’erba, pulizia, telecamere di sicurezza, ordine in città con una attenta ed oculata gestione della Polizia locale che i cittadini vogliono magari anche a piedi nelle strade, sono determinanti per ottenere il consenso elettorale. Quindi, salvo che il Sindaco Binatti non abbia altri piani o venga destinato dal suo partito ad altri incarichi, credo che la riconferma o meno, sarà importante per il prosieguo del suo percorso politico. 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail