TICKET

CHIARIMENTO SULL’ABOLIZIONE DEI TICKET MEDICINALI

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

TRECATEDal 1° marzo in tutto il Piemonte è entrata in vigore la legge regionale che prevede l’abolizione dei ticket sui medicinali.  Da più parti, sono state dette e scritte molte versioni o interpretazioni di questa legge inducendo spesso le persone in errore. 

Si è detto in modo generico, che “i ticket sono stati aboliti” e qualcuno ne ha dedotto che “medicinali e qualsivoglia visita medica soggetti al Servizio Sanitario Nazionale”, fossero diventati veramente gratuiti. SBAGLIATO!!

Altri hanno inteso che “solo i medicinali su prescrizione”, diventavano gratuiti.  PARZIALMENTE SBAGLIATO!!

Va ricordato, che quando ci si reca ad acquistare qualsiasi medicinale,  viene richiesto da parte del/della farmacista, se si desidera espressamente “quel farmaco” (che definiremo “di marca”) oppure se si  desidera acquistare un equivalente “generico”.  

Citiamo alcuni esempi sperando di essere esaustivi e rammentando che vi sono (ed ormai sono pochissimi) taluni farmaci “di marca” che non hanno il corrispondente “generico”.

Prima:  questi farmaci avevano una quota fissa di 1 o 2 euro a confezione a seconda della patologia;

Oggi:  tali farmaci hanno la totale abolizione della quota fissa;

Farmaci “di marca” con corrispondente “generico” (oggi sono la maggior parte).

Prima:  si pagava la differenza di prezzo tra farmaco “di marca” e “generico” (differenza che variava da farmaco a farmaco); 

Oggi:  per questa casistica non è variato nulla rispetto a prima. 

N.B. Ovviamente il paziente non paga nulla, se accetta di acquistare il farmaco “generico”.

Queste regole ovviamente, valgono SOLO SUI MEDICINALI;  a qualsiasi altro prodotto (parafarmaci o prodotti da banco) non è applicabile alcuna esenzione. Chi godeva anche in precedenza di eventuali esenzioni, prosegue nel normale iter senza alcuna variazione. 

Consiglierei a chi avesse dubbi in proposito, di chiedere chiarimenti al proprio medico di famiglia oppure direttamente alle dottoresse impiegate presso i banchi farmaceutici.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail