COSA VUOLE RENZI

Cosa vuole Renzi?

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Tanto tuonò che piovve!

Molti pensavano che questo scontro tra Renzi e Conte fosse dovuto al fatto che Matteo per continuare la collaborazione di Italia Viva col governo volesse alzare il prezzo, ottenere qualche poltrona in più o qualche ministero di peso, ma che poi alla fine limando un po’ di qua e un po’ di là, alla fine un accordo si sarebbe trovato. Sbagliato.

Questa volta Renzi è andato fino in fondo, arrivando a mettere in crisi questa maggioranza di cui lui stesso fu l’artefice. Per quale motivo ha deciso di arrivare fino a questo punto nessuno lo sa, indipendentemente da quello che ha dichiarato in conferenza stampa. In ogni caso, al punto in cui siamo, le cose si fanno difficili per tutti, lui compreso. Renzi è convinto che non si andrà a votare in nessun caso e che si troverà il modo di formare un governo diverso da questo.

Giusta la prima osservazione, sbagliata la seconda. Renzi si dice sicuro che Giuseppi non abbia alcuna possibilità di avere una maggioranza, ma probabilmente si sbaglia perché Conte ha deciso di andare fino in fondo e verificare in Parlamento se ha i numeri per continuare e certamente li troverà, perché l’unica certezza in questa legislatura è il fatto che nessuno degli attuali parlamentari ha la minima intenzione di abbandonare il molto remunerativo scranno su cui poggiano il loro deretano.

Il Pd è terrorizzato dal fatto che se si andasse alle elezioni potrebbero vincere le destre, mentre i 5stelle sono altrettanto terrorizzati perché molti di loro tornerebbero ad essere il nulla che erano prima. Per quanto riguarda i fuoriusciti o i componenti del gruppo misto, molti tra loro, più che al bene del Paese pensano principalmente al loro interesse. Visto le premesse, possiamo scommettere che Conte troverà la maggioranza di cui ha bisogno anche se questo non è un bene per l’Italia.

Non lo è perché la maggioranza che otterrà, sarà certamente risicata, debole e soggetta ad una forte litigiosità ancora maggiore di quella visto fino ad ora. E’ esattamente l’opposto di quello di cui in questo momento, ha bisogno il Paese e cioè un governo forte, coeso con una visione comune e soprattutto sostenuto dal voto della maggioranza degli italiani. Se questo è quello che voleva Renzi, non è dato saperlo, ma è quello che sicuramente avverrà.

Nel foro boario parlamentare, il mercato delle vacche è fiorente e di “Scillipoti” sono pieni gli scranni. E state certi che nessuno, Mattarella per primo, oserà obiettare. Se il puttanaio lo avesse fatto qualcuno di destra, il dormiente del Colle avrebbe cantato come un gallo all’alba ma datosi che la vergogna mondiale la stanno facendo gli amici di condominio, continua a sonnecchiare in attesa che i compagni se la brighino. Cosa ci vuole a trovare un manipolo di volenterosi “irresponsabili” che si facciano tentare da qualche poltrona o sgabello o strapuntino di governo? Ricordate i puritani che si scandalizzavano per Moana o Cicciolina in parlamento? Quelle due signore a confronto con questi? Due amabili verginelle!!

di Edoardo Gavardi

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail