GIORNATA MONDIALE DEL DIABETE

14 novembre­: Giornata mondiale del Diabete

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il 14 novembre si celebra la Giornata mondiale del Diabete.

Nel 2020 la Giornata Mondiale del Diabete é dedicata al ruolo dell’infermiere nella prevenzione e nel trattamento del diabete.

In considerazione del rapido incremento del numero di diabetici nel mondo il ruolo dell’infermiere all’interno del team diabetologico acquisisce particolare rilevanza.

L’infermiere è spesso il primo operatore sanitario incontrato dalla persona con diabete e svolge un ruolo cardine nella

  • educazione al corretto stile di vita;
  • educazione all’ automonitoraggio e all’impiego delle tecnologie a supporto del diabete
  • educazione alla prevenzione delle complicanze

L’Atlante Diabete dell’International Diabetes Federation evidenzia che:

  • 1 adulto su 11, di età compresa tra 20 e 79 anni, è affetto da diabete per un totale di 463 milioni di individui, di cui 2/3 circa in età lavorativa;
  • 232 milioni sono gli adulti di età compresa tra 20 e 79 anni con diabete tipo 2 non diagnosticato, cioè 1 su 2;
  • il numero stimato di soggetti di età compresa tra 20 e 79 anni con ridotta tolleranza glucidica è di 374 milioni, pari a 1 adulto su 13;
  • le proiezioni per il numero di persone con diabete nel 2025, 2030 e 2045 sono rispettivamente 438 milioni, 578 milioni e 700 milioni. Considerando le differenti regioni, gli aumenti stimati vanno dal 31% nel Pacifico occidentale al 143% in Africa;
  • in tutto il mondo, uno ogni sei nati vivi, o 20 milioni, è nato da una gravidanza associata a iperglicemia, di cui l’84% è dovuto al diabete gestazionale.
  • il numero di decessi attribuibili al diabete nel 2019 è di 4,2 milioni e il diabete è associato all’11,3% dei decessi in tutto il mondo.
  • il 10% della spesa sanitaria globale è per il diabete .

Relativamente all’Italia, i dati dell’Osservatorio Arno che fanno riferimento a 11,3 milioni di cittadini di ogni età (circa un sesto degli abitanti del Paese), hanno permesso di identificare circa 700 mila persone con diabete, corrispondenti ad una prevalenza del 6,2%, un dato quasi doppio rispetto a quello italiano di 20 anni fa.

Alla luce di questi dati epidemiologici la prevenzione attraverso il corretto stile di vita e la diagnosi precoce sono fondamentali.

“Quest’anno l’emergenza sanitaria Covid- 19 non permette di realizzare eventi di piazza afferma Maria Chantal Ponziani, Dirigente Responsabile della Struttura di Diabetologia dell’ASL NO –  e la Struttura di Diabetologia dell’ASL di Novara condividerà con la popolazione le iniziative preparate a livello nazionale dalle Società Scientifiche e da Diabete Italia. L’attenzione posta al ruolo dell’infermiere sottolinea l’importanza dell’integrazione tra le diverse figure professionali nel gestire il continuo aumento del numero di persone con diabete”.

Ufficio Stampa ASL NO

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail