DIVERTIRSI COL VOLONTARIATO

DIVERTIRSI COL VOLONTARIATO

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

GALLIATE – Il mese di gennaio ha visto impegnati i volontari della CRI Galliate in molte attività socio-assistenziali a favore di quelle persone bisognose di attenzione, di compagnia, di un sorriso. Perché, come spiegano gli stessi volontari, “la sofferenza non è solo fisica e non sempre richiede interventi con ambulanza a sirene spiegate, quanto piuttosto una presenza rassicurante, gesti semplici, disponibilità all’ascolto”. 

Il primo appuntamento si è svolto il 24 gennaio ed ha coinvolto alcuni ospiti della “Casa Protetta” di Galliate, che i volontari CRI hanno accompagnato in una gita fuori porta, a Novara, con merenda al Centro Commerciale San Martino. Era il primo incontro con i volontari CRI ed è stata un’esperienza da ricordare: quello che per molti è un evento banale della quotidianità – un salto al centro commerciale – ha regalato momenti di evasione e di svago. Il giorno seguente, i volontari hanno fatto visita agli ospiti del Centro Servizi per Anziani “San Michele Arcangelo”di Cameri per portare un saluto ed un po’ di compagnia, con speciali festeggiamenti in canti e musica per i nati nel mese di gennaio. 

Le attività di gennaio, si sono concluse con la distribuzione di viveri alle persone meno abbienti, a Cameri, in collaborazione con la Caritas.

“Siamo molto contenti di poter realizzare queste iniziative – ha commentato Maria Antonietta, referente delle attività socio-assistenziali per la CRI Galliate – è importante dare continuità al nostro impegno e se possibile, riuscire ad ampliare le nostre collaborazioni. Per questo, ringraziamo tutti i volontari ed in particolare i ragazzi dell’ultimo corso, che ci stanno dando un grande aiuto con entusiasmo e disponibilità, non solo nelle attività esterne ma anche nel riordino del magazzino viveri presso il Comitato”.

 Antonietta, volontaria CRI, racconta così la sua partecipazione: “Essere volontaria non è solo fare i servizi in ambulanza, ma per me è anche questo… Come sempre, gli amici della casa di riposo ci hanno accolti con calore e affetto, le ore trascorse insieme sono state allietate da canti, danze, chiacchiere e da un’ottima torta. Sono momenti che amo, mi arricchiscono e mi fanno stare bene. Ci siamo lasciati con la promessa di rivederci presto ed i loro visi felici e sorridenti ci hanno fatto capire ancora una volta, che le persone si ricorderanno di noi per come le abbiamo fatte sentire”.  

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail