mostacchi

Risponde l’avvocato civilista

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Gent.le Avvocato, quale ripartizione bisogna applicare per la sostituzione delle porte di un ascensore perché non si trovano più i pezzi di ricambio? È manutenzione ordinaria o straordinaria? Un amministratore sostiene che la parola “manutenzione” comprende sia la ordinaria che la straordinaria; un altro sostiene che è straordinaria e si devono usare i millesimi di proprietà; un terzo amministratore sostiene che le nuove porte sono a norma CEE quindi più idonee per la sicurezza delle persone, pertanto l’operazione va oltre la manutenzione straordinaria e quindi la spesa va ripartita in millesimi di proprietà. Chi ha ragione? Grazie. Alfredo

Caro Alfredo, in linea di principio non si tratta di manutenzione ordinaria, ma di manutenzione straordinaria, ma l’art. 1124 cod. civ. stabilisce che “le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa relativa è ripartita tra essi, per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari e per l’altra metà esclusivamente in misura proporzionale all’altezza di ciascun piano dal suolo”. Si applica dunque la tabella dell’ascensore perché, nel caso in questione, l’ascensore medesimo viene considerato in relazione all’utilizzo che se ne fa e non in quanto impianto di proprietà comune.

avv. Lara Mostacchi
via Vergante, 121/A – Invorio (NO)
cell. 327.3749943
avv.lara.mostacchi@gmail.com

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail