Chocolate Labrador Retriever puppy pooping on floor indoors

Perché il mio cucciolo sporca in casa?

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Per chi ha da poco accolto un cucciolo in casa, è il quesito più importante. Nonostante l’impegno di portarlo fuori, il cucciolo di 2-3 mesi può stare in giro anche due ore e “non fare” niente per poi “fare tutto” appena tornati a casa. La maggioranza dei cuccioli fa proprio così e sicuramente i loro proprietari si sono chiesti come fare a risolvere questo problema, magari andando a spulciare sul web o chiedendo consiglio ad amici e parenti. C’è chi consiglia il rotolo di giornale per punire il cucciolo che sporca in casa e chi dice di “pucciargli il muso” nella pipì se ci si accorge tardi della pozza di pipì…

Ovviamente questi sono consigli che NON vanno ascoltati!!! Se messi in atto, oltre a non portare alcun miglioramento, sarebbero deleteri e il cucciolo potrebbe incominciare ad avere paura della pozza di pipì sul pavimento (perché non collegherebbe l’azione alla punizione) o addirittura di fare pipì in vostra presenza (anche fuori casa!).

Una delle prime cose di cui parlo nelle Puppy class che organizzo per cuccioli da 2 a 5 mesi, è proprio questa. Dovete sapere che fino a circa 6 mesi il cucciolo è normale che faccia pipì frequentemente, perché il suo corpo è nel picco di crescita e richiede tantissimi liquidi per far sì che tutto funzioni al meglio; inoltre, il collegamento neurologico tra vescica e cervello non è ancora totalmente “maturo” e quindi è normale che faccia fatica a trattenerla. Il comportamento di sporcare in casa, al sicuro, per il cucciolo è naturale: è dato dall’istinto di sopravvivenza; in natura, se un cucciolo sporcasse fuori dalla tana, comunicherebbe al mondo di esistere e quindi molti predatori si metterebbero sulle sue tracce; il cucciolo quindi, nel primo periodo in cui viene adottato, ha come unica sicurezza la casa come se fosse la tana ed è quindi per questo che quando è in giro non la farà, almeno finché non si sentirà sicuro del posto in cui vive.

Un altro importante punto da prendere in considerazione, è che non avendo ancora sviluppato un buon controllo della vescica, ad ogni emozione forte probabilmente seguirà una pipì ed i cuccioli si emozionano per niente, anche per il fatto di essere tornati “sani e salvi” nella tana!

Quindi: ogni volta che torniamo a casa, quando si stressa perché rimane da solo per un po’, appena finito di giocare e addirittura appena finito di mangiare, sarà molto probabile che il bisogno di sporcare si faccia sentire; è quindi necessario essere pronti e cogliere l’attimo al volo, lodando il cucciolo se siamo riusciti a farlo sporcare fuori.

L’unico modo veramente efficace di insegnare al cucciolo di sporcare fuori, è quello di stare molto attenti ai suoi ritmi e di portarlo fuori molto spesso; d’altra parte, nei primi mesi di vita il cucciolo oltre a conoscere il mondo, sceglierà anche il substrato di preferenza per sporcare ed è quindi necessario fargli scegliere il prato o la terra, perché altrimenti avremo un adulto che ci limiterà per tutta la vita. Qualche mese di sacrificio per poi avere un adulto pulito! Le scorciatoie non esistono, quindi assolutamente vietate le traversine. Come sempre, sono a disposizione per ulteriori chiarimenti e se avete qualche “perché” urgente, potete sempre contattarmi a info@almulinocinofilo.it oppure potete visitare il sito www.almulinocinofilo.it  Al prossimo appuntamento!

By Elena Minotti di Al Mulino Centro Cinofilo

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail