TEMPO DI SCUOLA
facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Settembre… è tempo di scuola!

A cura dell’educatrice Dott.ssa Paola Guaglio

Bambini e ragazzi si preparano ad affrontare un nuovo anno scolastico e per molti significa riabbracciare gli amici dell’anno precedente, ritrovare in aula gli stessi insegnanti o conoscerne di nuovi; per altri invece, vuol dire incominciare un diverso percorso formativo, magari con qualche paura, incertezza, perplessità… ma sicuramente carichi del loro tipico giovanile entusiasmo.

Ed i piccoli? Meglio, i piccolissimi?

Anche per loro c’è la scuola, se mamma e papà decidono per questa scelta. Portare un bimbo alla scuola d’infanzia o al nido, risulta spesso essere una decisione obbligata, dettata da esigenze lavorative o familiari. A volte invece, è una libera iniziativa dei genitori che desiderano offrire ai loro bambini   differenti opportunità di crescita, con nuove e valide esperienze di formazione e di educazione.

E’ risaputo che i bambini frequentanti il nido e/o la scuola dell’infanzia, sono più “preparati” ad affrontare l’ingresso alla scuola primaria. Infatti, hanno già chiaro il concetto di “vivere in comune”, di stare insieme agli altri, di relazionarsi, condividere e rispettare sé e l’altro. Conoscono le regole di aspettare il proprio turno, di stare composti, seduti al tavolo o semplicemente di impugnare correttamente una matita, di non urlare e quando è necessario, di fare silenzio.

Il percorso scolastico dei più piccini, in Italia purtroppo, è ancora sottovalutato, probabilmente perché consideriamo i nostri bimbi sempre troppo piccoli. Ed invece, è proprio qui che “si fanno le ossa”, si formano il carattere e forgiano la loro personalità, relazionandosi con i pari, inserendosi in un gruppo, esplorando, socializzando e condividendo. E’ in questa primissima fascia di vita che si gettano le basi del linguaggio, si incentiva la comunicazione e si arricchisce il lessico. L’asilo non è solo un posto dove depositare il bambino perché non si sa a chi lasciarlo: visto con occhi diversi, diventa un luogo di educazione a tutti gli effetti, dove si intrecciano quelle importanti e significative relazioni umane senza le quali non saremmo esseri completi, poiché come già disse quel famoso Aristotele: “l’uomo è un animale sociale”.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail