PRODUZIONE ALTERNATA

Produzione alternata

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Uno studio internazionale svolto in collaborazione con l’Università di Milano e il CNR ha mostrato i motivi su cui si basa la pasciona (produzione naturale alternata), fenomeno per il quale le piante alternano annate di iperproduzione di semi e frutti con annate di fecondità scarsa o nulla.

Tale fenomeno apparentemente contrasta con l’esigenza di base di qualsiasi essere vivente, ossia massimizzare le opportunità di generare una discendenza.Utilizzando un dataset globale di serie temporali di produzione di semi da parte di 219 specie vegetali, eliminando l’influenza delle variazioni climatiche, i ricercatori hanno accertato che l’intensità della pasciona è tanto più alta quanto più i tessuti delle piante sono poveri in fosforo e azoto.

Le specie i cui tessuti fogliari hanno un basso tenore di fosforo e azoto si sono evolute con tutta probabilità in ambienti in cui la disponibilità di questi nutrienti nel suolo è cronicamente scarsa, come ad esempio in foreste soggette a lunghi periodi freddi e secchi oppure in zone con passaggio frequente di incendi. Pertanto è impossibile mantenere una produzione costante non avendo un rifornimento sufficiente di nutrienti, quindi l’evoluzione ha portato queste piante ad adottare una strategia: fiorire e fruttificare il più possibile negli anni in cui la disponibilità di sostanze nutritive è maggiore, mentre nei periodi meno favorevoli le piante si concentrano sull’accrescimento vegetativo.

La strategia risulta vincente anche per la capacità di ingannare quegli animali che si nutrono di semi e frutti: in mancanza di cibo le popolazioni di predatori si riducono, quindi quando le piante entrano in un periodo di iperproduzione i predatori sono in numero inferiore e buona parte dei semi riesce a disperdersi efficacemente nell’ambiente. Tale scoperta inizia a far luce sull’origine e sul funzionamento di questa particolare strategia riproduttiva attuata da molte specie vegetali italiane ed europee che risulta essere stata decisiva nel determinare il successo della loro riproduzione.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail