SENZA NUVOLE

Senza nuvole

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

“Hai la testa fra le nuvole” è una frase che in futuro potremmo non sentire più: l’eccessiva presenza di anidride carbonica nell’atmosfera, potrebbe provocare la dispersione di banchi di nubi che sono in grado di riflettere una percentuale importante della radiazione solare da cui sono colpite.

Le basse nubi al largo delle coste della California, del Perù e della Namibia, sono alcuni dei sistemi di raffreddamento più efficaci del pianeta perché sono in grado di riflettere la luce solare nello spazio. Nuove simulazioni climatiche, dimostrano che l’aumento delle concentrazioni di anidride carbonica potrebbe distruggere questi strati di nubi andando ad aggravare ulteriormente il riscaldamento terrestre. Tapio Schneider si occupa di dinamica delle nuvole al California Institute of Technology a Pasadena ed afferma che “se non riduciamo le emissioni, sono possibili cambiamenti climatici molto marcati e difficili da invertire”. 

Un suo studio pubblicato su Nature Geoscience, rivela un’interazione finora sconosciuta fra nuvole e gas serra che porterebbe alla dispersione delle nubi. Questa eventualità potrebbe aumentare di parecchio l’entità del riscaldamento globale, soprattutto se non si provvederà a diminuire le emissioni di gas serra.  

Le previsioni, indicano che un mondo con meno nuvole ridurrebbe il clima terrestre a condizioni simili a quelle presenti cinquanta milioni di anni fa, quando i coccodrilli nuotavano nell’Artico privo di ghiaccio e le palme crescevano fino alle latitudini dell’Alaska.

La meteorologa Paquita Zuidema dell’Università di Miami, in Florida, afferma che in passato cambiamenti climatici simili sono già avvenuti e che il lavoro di Schneider suggerisce che in futuro potrebbe verificarsene un altro.

In un vecchio film con Clint Eastwood, si diceva “le nuvole in cielo sono come i sogni quando vagano nel fondo della nostra mente”; per Ennio Flaiano invece, “un sognatore è un uomo con i piedi fortemente appoggiati sulle nuvole” quindi, speriamo solo che l’assenza di nuvole non ci porti a rimanere senza sogni.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail