architetti

Casa salubre…. e si vive meglio!

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

arch. Paola Geddo & arch. Monica Facchetti

La nostra casa è per eccellenza il posto dove ci si sente sicuri ed al riparo da ogni pericolo. Al suo interno però, potrebbero annidarsi dei nemici “invisibili”, molte volte causa di inspiegabili disturbi o vere e proprie malattie dell’apparato respiratorio, soprattutto in persone più delicate come anziani e bambini. Stiamo parlando di muffe, batteri e agenti inquinanti, sottovalutati e non adeguatamente considerati e spesso causa di questi problemi. Il benessere all’interno dei locali abitativi è fondamentale ed uno degli aspetti che lo determina, è sicuramente la salubrità degli ambienti.
L’attento studio di soluzioni progettuali, che pongono l’attenzione ai materiali costruttivi, agli impianti ed agli arredi, contribuiscono sicuramente a creare quelle condizioni di comfort abitativo che tutti cercano. Diventa quindi indispensabile contrastare ogni causa di “disturbo”, in primo luogo le muffe, che si formano all’interno delle nostre abitazioni per la presenza di umidità in quantità eccessiva, legata spesso a fenomeni di condensa interna o di risalita capillare.
Gli esperti della Società di Medicina Ambientale, hanno stilato un vademecum composto da piccoli accorgimenti che occorre seguire in modo da limitare drasticamente il pericolo di respirare aria inquinata insalubre in casa e migliorare le condizioni interne. Alcuni dei punti sono facilmente realizzabili e si possono così elencare:
– Tenere sotto controllo le condizioni microclimatiche all’interno delle abitazioni evitando ad esempio, di tenere temperature troppo alte e valori di umidità elevati, un compito che può essere facilitato da impianti per la climatizzazione dell’aria di ultima generazione, dotati di funzioni intelligenti. 
– Una buona aerazione degli ambienti mediante l’apertura delle finestre non meno di due o tre volte al giorno, per facilitare il ricambio dell’aria. 
– Evitare di fumare in casa, comportamento che, oltre che favorire la salute propria e degli altri, aiuta a ridurre in modo importante il livello di inquinamento in casa. 
Questi accorgimenti, possono migliorare le condizioni degli ambienti, ma non sono sufficienti ad eliminare l’umidità ascendente che penetra nelle murature attraverso la struttura capillare dei materiali costruttivi. Per la risoluzione del problema, sono in commercio particolari dispositivi elettronici che utilizzano processi fisici per neutralizzare o invertire la carica elettrica delle molecole di acqua che la muratura trasmette loro, riportandole allo stato neutro originario. In questo modo, non si verifica più quel fenomeno di attrazione che crea la risalita dell’umidità nel muro e di conseguenza, diffonde umidità in eccesso in casa.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail