DOMENICA DI CAMPAGNA

DOMENICA DI “CAMPAGNA”

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

TRECATE – La mattina della prima domenica d’agosto, il clima era accettabile dopo il temporale notturno e come altre volte, sono andato con un’amica a fare un giro nella nostra Piazza Cavour.

Anche questa domenica, c’erano i gazebo delle varie fazioni politiche: c’erano tutti ma proprio tutti… o quasi. C’era la sinistra con il Pd e le liste civiche: Nel Cuore di Trecate, Trecate domani, Noi ci siamo e Uboldi Sindaco, di appoggio al candidato Marco Uboldi; c’era anche quale new entry nella piazza, il gazebo dell’altra sinistra, quella più a sinistra col candidato Stefano Longo; c’era il MoVimento 5 Stelle che per ora si mantiene in solitaria, anche se ha già preannunciato il supporto ad Uboldi; sull’altra parte invece, avevamo le postazioni della destra del candidato Federico Binatti (nella foto tutti i gruppi) e con schierati Lega, Binatti Sindaco, Fratelli d’Italia e gli smarriti che son tornati al paesello per cercare qualche voterello: gli anonimi sconosciuti di Forza Italia ed il top dei faccia tosta, Crivelli. Ancora assenti anche le “civiche” facenti capo al vicesindaco Rossano Canetta delle quali non trapela nessuna notizia in merito e che qualcuno, vox populi, comincia a chiedersi se effettivamente scenderanno in lizza.

Mancavano all’appuntamento i quattro amici del bar, che evidentemente e come rilevabile dai post coi gaudenti sorrisi al sole, hanno anteposto la gita domenicale al mare alla ragione politica. Per il bene comune, mi auguro che restino sulle spiagge dove, visto il loro hobby di insultare avversari e antipatici, sicuramente troveranno molte più persone da denigrare.

Approfitto di questo breve resoconto, per correggere una mia affermazione contenuta nell’articolo di ieri sul Consiglio comunale “confusionario”: sono andato anch’io in confusione quando ho citato il passaggio sui “Revisori dei Conti” e mi scuso coi lettori e gli interessati.

Citando l’ex presidente, ho affermato erroneamente il suo rientro nel nuovo gruppo. In realtà i fatti sono i seguenti: premesso che detto presidente ha stilato un resoconto di chiusura con una secca disapprovazione verso l’Ente, colpevole di aver molto tardivamente fornito alla Commissione i bilanci da verificare, dopo lo scioglimento di detto gruppo, il signore in questione si era riproposto in qualità di Consigliere nella nuova Commissione, ricevendo parere negativo da parte dell’Amministrazione. Da qui pertanto, i commenti sarcastici dei Consiglieri Volontè e Almasio nei confronti dell’amministrazione.

Mi è sembrata doverosa questa precisazione e ringrazio il Sindaco Binatti che me lo ha fatto rilevare.

Gian Roberto D’Ulisse

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail