auto rigata

Intimidazioni

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La prima volta è stato circa due mesi fa: una leggera ma lunga riga sulla parte posteriore dell’auto, sul portellone del baule; l’auto era parcheggiata tra altre vetture ma solo la mia è stata “batezzata”.

Vandalismo? Ragazzata? Può darsi; l’auto è vecchiotta ma il suo servizio lo fa…

E’ passato circa un mese. Esce un altro numero di Controcorrente con qualche mio pezzo considerato da molti “un po’ forte”.

Poi qualche giorno dopo, lunedì, ecco la nuova sorpresa. Questa volta il segnale è più incisivo come più marcate sono le righe che partendo dalla parte posteriore, segnano tutta l’auto fino al fronte, incidendo ovviamente anche le portiere. Fiancata completa!

Mi è difficile pensare ad un atto occasionale di vandalismo, anche perché “l’interessamento” ha riguardato anche questa volta, “solo” la mia auto tra varie altre. Diciamo quindi a chiare lettere che si tratta di nuovo più incisivo avvertimento? di stupida vendetta per argomenti poco graditi? o di vero e proprio atto intimidatorio?

Qualcuno mi ha suggerito di sporgere denuncia ma lo trovo una cosa superflua: una perdita di tempo per me e per i carabinieri. Viviamo nella città che a detta dell’amministrazione e delle forze dell’ordine, è sicura: è sorvegliata da pattuglie di vigili che arrivano anche dai paesi vicini e da pattuglie di carabinieri arrivati in rafforzo, una città dove a detta dell’amministrazione, esiste una modernissima e potentissima rete di telecamere collegate coi centri operativi… Ma come hanno detto anche le televisioni nazionali, Novara e la sua provincia, sono indicate col più alto numero di case svaligiate, di case derubate, di esercizi che chiudono, di immigrazione… di tutto e di più, ma dobbiamo considerarci una città sicura, perché se non lo fossimo, cos’altro ci potrebbe accadere? Siamo quella città dove vengono bruciate auto anche nella piazza principale, poco distante dal municipio, quella città nella quale circolavano personaggi sospettati di terrorismo internazionale poi espulsi, dove si rubano targhe alle auto davanti casa o come nel mio caso, si danneggiano. Vero è che gli ultimi due casi che ho citato riguardano auto “conosciute”, appartenenti a persone conosciute e pertanto di facile bersaglio… Ma desidero mettere in chiaro alcune cose: chi mi ha preso di mira perde il suo tempo perché non riuscirà a farmi cambiare idea, a chiudermi la bocca, a condizionare le mie opinioni! In ogni caso, chiunque sia e da qualsiasi parte arrivi, sta perdendo il suo tempo. La storia insegna che si possono fermare gli uomini, non le loro idee.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail