STATO DI EMERGENZA

Stato di Emergenza: è necessario?

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La Camera ed il Senato, tra non poche polemiche da parte delle opposizioni delle quali il premier Conte ha dimostrato di non aver nessun rispetto, lasciandosi andare ad aperte risatine e sorrisi senza vergogna ed in modo offensivo della persona e della funzione istituzionale, durante l’intervento dell’on. Giorgia Meloni, hanno approvato la proroga dello “Stato di Emergenza” fino al 15 ottobre, dopo la retromarcia dell’avvocato che aspirava alla dittatura, (pardon: pandemia) fino a dicembre.

Molte le perplessità evidenziate da più parti sulla effettiva necessità di questa proroga: contro tale decisione infatti, si sono schierati emeriti scienziati, economisti ed esperti di vari settori. In Italia il virus fortunatamente, sta diminuendo e decessi e ricoveri sono molto meno numerosi rispetto ad altre maggiori malattie. 

Una motivazione molto labile e che lascia alquanto perplesso anche un normale cittadino come me, sarebbe da attribuire ad un’eventuale scarsa o mancante prontezza nell’intervenire in caso che, malauguratamente, ci possa essere un ritorno del virus. Un ritorno, che il premier e la sua maggioranza sembrerebbero auspicare, temendo infatti, la perdita delle poltrone in caso di negativi risultati elettorali in quelle consultazioni che stanno facendo e faranno di tutto per evitare. Ponendo che per assurdo ci si ritrovasse con una maggiore diffusione del virus, cosa che continuando con le migliaia di sbarchi potrebbe essere un’eventualità da non scartare, il premier farebbe ulteriori proroghe dello stato di emergenza fino allo sfinimento? 

Ciò che mi preoccupa, sono i dati che leggo dai quotidiani: l’aumento dei disoccupati che a giugno hanno avuto una crescita esponenziale (dati ISTAT) e del milione di persone che si prevede possano perdere il lavoro entro fine anno, con le aziende costrette a chiudere ed il conseguente grande aumento del disagio sociale.

Tenendo presente quei dati, mi vien fatto di pensare che lo stato di emergenza possa servire ad impedire le manifestazioni dell’opposizione e degli italiani in generale, cosa che metterebbe ancor più in evidenza l’impopolarità se non la vera incapacità di questo governo e di questa maggioranza, che teme esclusivamente il pericolo di crisi di governo e la conseguente perdita della molto ben pagata “cadrega”.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail